Jarach Gallery is pleased to present "Atemporal", an exhibition with the artworks by young artists Yamada Hanako (*1986, lives in Venice), Kensuke Koike (*1980, lives in Venice), Mirko Smerdel (*1978, lives in Milan). Critic text by Andrea Bruciati

March 31 > April 28, 2012
Vernissage: Saturday March 31 at 6.00 p.m.
Opening Times: Tuesday / Saturday  2 – 8 p.m.
Monday and Sunday only by appointment
T & F +39 041 522 1938
info@jarachgallery.com

 

_______________________________________

 


Jarach Gallery è lieta di presentare "Atemporal", una mostra con le opere dei giovani artisti Yamada Hanako (*1986, vive a Venezia), Kensuke Koike (*1980, vive in Slovenia), Mirko Smerdel (*1978, vive a Milano). Testo critico di Andrea Bruciati

31 Marzo > 28 Aprile, 2012
Vernissage: Sabato 31 Marzo alle 18.00
Orari di apertura: martedì / sabato 14 – 20.00
Lunedì e Domenica su appuntamento
T & F +39 041 522 1938
info@jarachgallery.com


Yamada Hanako & Alex Hai, from the series "La Gondoliera", 2013, Fine Art print on cotton paper, 45x45 cm, ed. 3 + 2 A.P.
Yamada Hanako & Alex Hai, from the series "La Gondoliera", 2013, Fine Art print on cotton paper, 45x45 cm, ed. 3 + 2 A.P.
Yamada Hanako & Alex Hai, from the series "La Gondoliera", 2013, Fine Art print on cotton paper, 45x45 cm, ed. 3 + 2 A.P.
Yamada Hanako & Alex Hai, from the series "La Gondoliera", 2013, Fine Art print on cotton paper, 45x45 cm, ed. 3 + 2 A.P.
Yamada Hanako & Alex Hai, from the series "La Gondoliera", 2013, Fine Art print on cotton paper, 45x45 cm, ed. 3 + 2 A.P.
Yamada Hanako & Alex Hai, from the series "La Gondoliera", 2013, Fine Art print on cotton paper, 45x45 cm, ed. 3 + 2 A.P.

Yamada Hanako & Alex Hai

LA GONDOLIERA

 

The exhibition presents an intriguing collaborative venture between an emerging artist and a celebrated but controversial female gondolier, who is also a photographer and film-maker. Both have a passion for Venice and see their roles there as part of a greater adventure and continuing artistic exploration. Expect an original vision of Venice in the guise of an adventuress. In this thought-provoking mixture of fact and fiction, the boundaries are blurred. Is it a true story or a movie in the making?

Introducing Yamada Hanako, currently Artist in Residence at Fondazione Bevilacqua La Masa in Venice, and Alex Hai, the “Prima Gondoliera”, who broke with ancient tradition by becoming Venice’s first female gondolier. With a preface by renowned art critic Marco Tagliafierro, this exhibition charts the cinematic journey of “La Prima Gondoliera” through photography. On display are a series of photographs shot by the two artists and a catalogue which gathers an array of articles and artefacts depicting the story of this embattled heroine.

 

 

Vernissage on invitation only: February 1st, 2014

Opening Time: from February 4th to March 29th, Tuesday – Saturday 2–8pm

 

Download the preface by Marco Tagliafierro

Download the press release and the artists' biography

 

Yamada Hanako

This emerging artist is currently Artist in Residence at the Fondazione Bevilacqua La Masa in Venice. Despite her youth, Yamada has already held exhibitions in Venice, Basel and Washington DC. In the last few years, her artistic journey has focused on two main subjects: the photographic representation of Venice and the images behind female sexuality. This exhibition touches on her two current concerns.

Born in Ponte dell’Olio in 1986, Yamada currently lives in Venice, where she studied Visual Arts from 2005 to 2011, graduating from IUAV and the Academy of Fine Arts. Since 2008, Yamada’s artworks have been exhibited through international festivals and institutions, including: Santorini Biennale of Arts; the House of Electronic Arts, Basel; Fondazione Querini Stampalia, Venice; the Biennial of Young Artists from Europe and the Mediterranean, Thessaloniki; MSGU Tophane-i Amire Culture Center, Istanbul; the Italian Embassy in Washington DC, USA; the GCAC Galleria Comunale in Monfalcone; the CRAF Center of Research and Photographic Archives, Lestans; the Fondazione March, Padua; and at Venice Film Meeting, Venice.

 

Gondoliera Alex Hai

Countless articles have been written about controversial gondolier Alex Hai, with the theme taken up in books, movies and documentaries. This exhibition charts the cinematic journey of “La Prima Gondoliera”.

Born in Hamburg in 1967, Venice’s first female gondolier only now realises the synchronicity of leaving one seafaring city for another. The move to `La Serenissima’ proved less serene than anticipated, a life-changing adventure she’s still living.

As a child prodigy, Alex penned several plays at the tender age of ten. At 22, her short film, dealing with domestic sexual abuse, caused a stir in her native Germany. The movie won her admission to the Communication Arts course at the Hamburg University – despite Alex not having finished high school. In 1992, Alex moved to San Francisco and worked for prominent film directors such as Francis Ford Coppola, Peter Kaufmann and Monica Treut. In 1996 Alex arrived in Venice with a potential movie in mind, only to be seduced by the captivating world of the gondolier. In nailing her colours to the mast, Alex daringly embarked on a career that has been a male preserve for centuries. In seeking to gain admittance to this close-knit `boys’ club,’ Alex inadvertently challenged the Venetian status quo – and stirred the murky waters in the world’s loveliest lagoon city.

 

Against the odds, Alex has succeeded in her dream of plying the Venetian waterways on her

own terms. As an embattled female gondolier, Alex was forced to take a circuitous route, reflecting the shifting contours of Venice herself. How can a lagoon city offer straight paths through such sinuous channels? Ostraced by the gondoliers’ union, Alex stumbled in her attempts to obtain the official gondolier’s licence, representing the keys to the waterways. Undaunted, the `Prima Gondoliera’ set her precious gondola on a more challenging course.

Alex Hai dragged the profession of gondolier into the 21st century.

 

Documents and doubts

Articles, posters and book excerpts corroborate Alex Hai’s vision of Venice and her adventures in the city. But prepare to be provoked. The array of materials and the piquancy of the anecdotes, often reported in a distorted or contradictory way, are designed to create doubt. If, at some point, fact become fiction, it serves only to suggest the legendary sense of the character. It’s her story, in all senses of the word.

 

Photographs as fact or fiction

Photographs are in cinematic 16:9 aspect, full bleed. Shots and subjects evoke an emblematic representation of contemporary Venice, a cinematic portrayal of the city as seen through Yamada and Alex’ eyes. Expect a conversation with counterpoints, inviting reflections on the authenticity of images and our desire to give labels.

 

The artists and Jarach Gallery would like to thanks for sponsoring, contributing financial and technical support:

Palazzo Abadessa

JMB Consult Hotel Marketing

Nick Carter International Media Consultant

Flaneur&Publisher

Fondazione Bevilacqua La Masa

Fondazione Querini Stampalia

Jacinthe Clotilde Kondji, African-Art J.C.K

Nino Franco Spumanti s.r.l.

Dacotah Renneau Media/Public Relations

A.S.D. Rari Nantes

Taverna Del Campiello Remer

 

 

 

 

 

Yamada Hanako & Alex Hai

LA GONDOLIERA

 

L’esposizione presenta la intrigante collaborazione tra l'artista emergente Yamada Hanako e la celebre ma discussa gondoliera Alex Hai, che è anche fotografa e regista. Entrambe hanno una passione per Venezia e considerano il loro ruolo come parte di una grande impresa e di una continua esplorazione artistica. Preparatevi a una visione originale di Venezia nelle vesti di un avventuriero. In questa provocante miscela di realtà e finzione, i confini sono sfumati. E' una storia vera o un film in fase di realizzazione?

Le artiste: Yamada Hanako è attualmente Artista in Residenza presso la Fondazione Bevilacqua La Masa; Alex Hai ha interrotto una tradizione antichissima diventando la prima donna gondoliere di Venezia.

Accompagnata da un testo critico di Marco Tagliafierro, l'esposizione ripercorre il viaggio cinematografico de La Gondoliera attraverso una serie di fotografie scattate dalle due artiste e una selezione di articoli e documenti che raccontano la storia di questa eroina combattente.

 

Vernissage su invito: 1 Febbraio 2014

Apertura al pubblico: dal 4 febbraio al 29 Marzo, Martedì – Sabato ore 14 – 20

 

Scarica il testo critico di Marco Tagliafierro

Scarica il comunicato stampa e le biografie delle artiste

 

Yamada Hanako

Questa artista emergente è attualmente Artista in Residenza presso la Fondazione Bevilacqua La Masa. Nonostante la sua giovane età ha già tenuto mostre a Venezia, Basilea e Washington DC. Negli ultimi anni, il suo percorso artistico si è focalizzato su due temi principali: la rappresentazione fotografica di Venezia e le immagini sulla sessualità femminile. La mostra tocca entrambi gli interessi.

Dal 2008 ad oggi ha esposto in numerosi festival e istituzioni, tra cui: Santorini Biennal of Arts; House of Electronical Arts, Basel; Fondazione Querini Stampalia, Venezia; Biennal of Young Artist from Europe and the Mediterranean, Thessaloniky; MSGU Tophane-i Amire Culture Center, Istanbul; Embassy of Italy in Washington, USA; GCAC Galleria Comunale di Monfalcone; CRAF Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia, Lestans; Fondazione March, Padova; Venice Film Meeting, Venezia.

 

Alex Hai

Innumerevoli articoli sono stati scritti sulla controversa gondoliera Alex Hai, la cui storia è stata ripresa in libri, film e documentari. L'esposizione mette in mostra il viaggio cinematografico de “La Prima Gondoliera”.

Nata ad Amburgo nel 1967, la prima donna gondoliere di Venezia si rende conto adesso delle coincidenze che la portarono a lasciare una città per un'altra.

Come una bambina prodigio, Alex ha scritto diverse sceneggiature teatrali alla tenera età di dieci anni. A 22 anni ha realizzato il suo primo cortometraggio, incentrato sugli abusi sessuali domestici, facendo molto scalpore nella Germania dell’epoca. Il film le ha permesso di accedere eccezionalmente al Corso di Arti della Comunicazione dell’Università di Amburgo – nonostante Alex non avesse completato la scuola superiore.

Nel 1992 Alex si è trasferita a San Francisco e ha lavorato per registi di spicco quali Francis Ford Coppola, Peter Kaufmann, Monica Treut.
Nel 1996 è giunta a Venezia con l'intenzione di realizzarvi un film, ma è rimasta sedotta dall'affascinante mondo del gondoliere. Decisa a realizzare i suoi sogni, Alex ha intrapreso audacemente un mestiere che è stato per secoli appannaggio dei soli uomini. Cercando di ottenere l'ammissione a questo “club per soli uomini”, Alex ha inavvertitamente cambiato lo status quo veneziano – e agitato le torbide acque della più bella città lagunare del mondo.

 

Contro i pronostici, Alex è riuscita nel suo sogno di cavalcare le onde veneziane a modo suo.

In quanto donna gondoliere e perciò costantemente sotto attacco, Alex è stata forzata a percorrere una rotta tortuosa, riflettendo i contorni mutevoli della stessa Venezia. Come può una città lagunare offrire percorsi rettilinei attraverso canali sinuosi? Ostracizzata dall'associazione dei gondolieri, Alex ha inciampato nei suoi tentativi di ottenere la licenza di gondoliere ufficiale che simboleggia l'ingresso alle strade d'acqua. Imperterrita, Alex ha diretto la sua preziosa gondola su una via più impegnativa.

Alex Hai ha portato la professione di gondoliere nel 21.mo secolo.

 

Documenti e dubbi
Gli articoli, i poster, gli estratti dai libri confermano la visione di Alex Hai di Venezia e le sue avventure in città. Ma preparatevi ad essere provocati. La natura piccante di materiali e degli aneddoti, spesso riportati in modo distorto o contraddittoria, sono progettati per creare dubbi. Se infatti, ad un certo punto, sembrano finzione, è solo per suggerire l'atmosfera di leggenda intorno il personaggio. E' la sua storia, in tutti i sensi del termine.

Fotografie come fatti e come fiction
Le fotografie sono nel formato cinematografico 16:9, con le caratteristiche bande orizzontali nere. Scatti e soggetti evocano una rappresentazione emblematica della Venezia contemporanea, un ritratto cinematografico della città visto attraverso gli occhi di Yamada e di Alex. Aspettatevi una conversazione fatta di contrappunti, che invita a riflessioni sulla autenticità delle immagini e della nostra necessità di definire per categorie.

 


Le artiste e Jarach Gallery ringraziano per la sponsorizzazione, i finanziamenti e il supporto tecnico:

Palazzo Abadessa

JMB Consult Hotel Marketing

Nick Carter International Media Consultant

Flaneur&Publisher

Fondazione Bevilacqua La Masa

Fondazione Querini Stampalia

Jacinthe Clotilde Kondji, African-Art J.C.K

Nino Franco Spumanti s.r.l.

Dacotah Renneau Media/Public Relations

A.S.D. Rari Nantes

Taverna Del Campiello Remer